set 8, 2015

i CELTI e le RUNE


SIAMO CELTI


I CELTI e le RUNE

Il 10 e 11 ottobre 2015

Dalle 9 °° alle 17 °°

 

W.K. Stahel vi propone

Il Primo Seminario

“i CELTI siamo NOI
le RUNE sono il nostro ricordo ANCESTRALE

ci troviamo in piena area Celtica,

numerosi i ritrovamenti e diverse Tombe, dette Cromlech, databili nel VII secolo a.C. 

 

A 4 km da Somma, troviamo Gola Secca, un paese con una famosa zona archeologica e con importanti testimonianze di un grande insediamento celtico.
La CULTURA di GOLA SECCA (IX-IV secolo a.C.)

Parlare di Celti significa parlare della nostra storia e di quanto eravamo in simbiosi con il pianeta Terra.

Di quanto rispetto e di come eravamo in sintonia con gli elementi e la natura.

 

A quei tempi, che alcuni datano 6'000 a.C., anche in molte altre parti del pianeta non era conosciuta la scrittura, o meglio, questa come veniva interpretata come simbologia divinatoria e la sua funzione era quella di poter comunicare con l’ultraterreno.

 

Vi sono poi numerosi misteri, come ad esempio Stonehenge (UK) che è stata costruita dai celti in contemporanea alla Piramide egizia di Cheope entrambe nel 2500 a.C. di e con enormi massi provenienti in parte dall’Africa e ancora i numerosi Dolmen e Menhir sparsi in varie parti dell’Europa.
Naturalmente sono molte le teorie di esperti ricercatori e dopo i millenni trascorsi solamente delle enormi pietre esposte agli elementi terrestri esterni potevano arrivare fino a noi.

 

Questo per citare alcuni esempi, a dimostrazione di quanto sono vicini a noi i CELTI ma, questi sono gli aspetti materiali, gli oggetti , le Tombe che ci dimostrano l’esistenza fisica dei nostri Antenati e fra queste evidenti prove vi sono pure i simboli, la scrittura, che non è da intendere  come la concepiamo noi nella nostra epoca, ossia semplice comunicazione di fatti o di storie, ma piuttosto come “sistema” di comunicazione con il mondo invisibile.

 Le Rune

sono nate per essere dei simboli chiari ed evidenti, con significati e significanti segreti, inizialmente utilizzate solo dagli eletti, i Druidi.

Come per gli Scriba egizi solo a loro era dato di sapere il vero significato di ogni simbolo.

 Naturalmente è stato scritto moltissimo sull’argomento e come per ogni mistero che si rispetti, molti sono sconfinati nelle interpretazioni magiche delle Rune, che vengono tutt’ora utilizzate come Oracolo, per prevedere il futuro e per ottenere delle risposte ad ogni tipo di quesito.

In questo primo seminario, desidero affrontare l’argomento in modo ampio, dal punto di vista storico e da quello percettivo. Per percettivo intendo proporvi degli esercizi di contatti con la natura che serviranno per ritrovare la sintonia con gli elementi e con se stessi.

Vi espongo in sintesi quanto intendo affrontare nel seminario che vi propongo:

Breve Storia delle nostre Origini: i Celti

Breve storia della scrittura e dei caratteri utilizzati nel mondo

L’alfabeto di Lugano e le Rune germaniche

Conoscere meglio il nostro territorio

Disegniamo le Rune, ognuno realizza le proprie carte

Diverse esercitazioni di percezione della natura e dei suoi elementi

Se bel tempo escursione a Gola Secca

Il mondo invisibile

Ma come si curavano i Celti ?

Un simpatico accenno alla magica pozione di Asterix …



 in RICORDO
di ROBERTO CORBELLA (Gavirate)
Grande studioso del nostro territorio
Ecco i libri pubblicati da Corbella con Macchione Editore
:

Vi consigliamo di leggere i seguenti libri, in particolare:

Antichi lavatoi del territorio varesino con Cristiano Nericcio;
Antichi sentieri della Valceresio.
Castelli e rocche. Varesotto, lago Maggiore e Alto Milanese;
Celti. Itinerari storici e turistici tra Lombardia-Piemonte-Svizzera;
Comunità Montana Valceresio;
Creature del mistero. Fate, folletti e fantasmi;
Fantasmi e misteri della nostra terra. Lombardia, Piemonte, Svizzera;
Fantasmi nostri. Varesotto, Verbano, Ossola, Ticino;
Fiabe prealpine;
Fortificazioni della linea Cadorna tra i laghi Maggiore e Ceresio;
La linea Cadorna. Val d’Ossola, val d’Intelvi, lago di Como, Valtellina con Ambrogio Viviani;
La stregoneria in Insubria. Tradizione popolare, Inquisizione e riti pagani tra Lombardia e Piemonte con Massimo Centini;
La vita esagerata e le avventure straordinarie del Giuanin senza paura;
Magia e mistero nella terra dei Celti;
Tamaro, Lema, Monteviasco con Silvano Moroni;

 

di Redazione Varese News redazione@varesenews.it

Pubblicato il 29 novembre 2013